Vota "Dolci idee e non solo"

classifica

sabato 26 maggio 2012

Ciò che ci rende famosi nel mondo

L'Italia, seppur un piccolissimo paese a forma di stivale rispetto alla vastità di altre nazioni, è conosciuta nel mondo per diversi suoi aspetti: la storia, che fa dell'Italia uno dei paesi più antichi; i monumenti, frutto proprio della sua storia lunga e spesso travagliata; la cultura, molti scienziati famosi nel mondo sono guarda caso italiani; i suoi paesaggi, belli e diversificati, si passa dalle stupende coste del nostro paese, bagnato da ben tre mari, alle zone collinari e montuose in cui si nascondono spesso bellissimi laghi naturali di origine tettonica, carsica o vulcanica e che dire di torrenti, cascate e altre bellezze naturali che vale sempre la pena di scoprire?
Ma se chiedete ad uno straniero quale sia la cosa che più gli piace dell'Italia, vi risponderà: "la cucina!"
La cucina  ovviamente, non intesa quale "ambiente domestico", ma come cibo e spesso, in verità, sarà identificata con la preparazione della "pasta".
L'Italia è il paese che ha esportato nel mondo la famosa dieta mediterranea e checchè se ne dica, se anche fosse vero che gli spaghetti sono un invenzione cinese, chi li ha resi famosi in tutto il pianeta siamo stati noi italiani.
Pizza, lasagne e spaghetti al sugo sono i simboli impressi sulle insegne di chi all'estero propone cucina italiana. Certo non si tratterà di ristoranti con stelle Michelin, ma sono comunque motivo di vanto per noi (per quanto spesso di italiano abbiano solo l'insegna!) perchè sono comunque posti in cui cercano di dare un tributo alla nostra ottima cucina.

Qualche giorno fa, ho ricevuto dalla ditta Verrigni una campionatura relativa ad alcuni formati di pasta dalla stessa prodotti, ed è stato in quel momento che ho avuto una folgorazione.


Spesso nei nostri blog ci piace mettere in evidenza preparazioni particolari che ci consentano anche di utilizzare alimenti, spezie e condimenti che non sempre ritroviamo tutti i giorni sulla nostra tavola, proprio perchè vogliamo mostrare agli altri qualcosa di insolito e di originale.
Ma se vogliamo valorizzare al massimo un formato di pasta tradizionale come gli spaghetti, il modo migliore non è affidarci ad un piatto tradizionale?
Il piatto tradizionale per eccellenza sarebbe in questo caso spaghetti al pomodoro o spaghetti al ragù (la classica pastasciutta insomma), ma un altro piatto della nostra tradizione, che arricchisce le nostre tavole soprattutto nel periodo natalizio è: spaghetti al sugo di baccalà.

La ricetta che eseguo io è quella che mi è stata insegnata da mia madre. Lei era solita prepararla soprattutto durante le vigilie (Immacolata, Natale, Capodanno), ma non disdegnavamo di assaporarla anche in altri periodi dell'anno.
Le dosi che riporto sono molto indicative, considerate che si possono variare tranquillamente senza modificare il risultato finale della ricetta. Certo più baccalà ci sarà nel sugo, più sapore vi darà, ma anche un filetto da 500/600g da ottimi risultati.

Ingredienti:
q.b. di spaghettoni Verrigni
2 filetti di baccalà da 500/600g ciascuno
cipolle novelle (almeno 2)
una decina di pomodorini
1 bicchiere di passata di pomodoro
q.b. di olive nere (in mancanza vanno bene anche le olive verdi)
una manciata di capperi sotto sale dissalati
pepe q.b. (facoltativo)
sale q.b. (facoltativo)
peperoncino piccante q.b. (facoltativo)
Olio evo q.b.

Procedimento:
per prima cosa mettere in ammollo il baccalà, io in genere lo lascio in ammollo intero, senza pelle e per due giorni (spesso però mio marito, che ama la pelle, mi chiede di lasciargliela!). Se preferite che il vostro baccalà sia meno sapido prolungate l'ammollo di un ulteriore giorno, ma in tal caso ci potrebbe essere bisogno di aggiungere un pizzico di sale durante la cottura. L'acqua va cambiata almeno una volta al giorno!
Quando il baccalà è stato sufficientemente ammollato si può procedere con la preparazione del sugo.
Soffriggere in 30/40g di olio i cipollotti tagliati a rondelle o tagliati in 4 per lungo, aggiungere le olive e i capperi dissalati e cuocere per un paio di minuti, dopodichè aggiungere i pomodorini tagliati a metà e la passata di pomodoro. Salare se c'è bisogno (di solito no) e pepare a piacere o in alternativa usare un pò di peperoncino piccante. Dopo una decina di minuti aggiungere il baccalà tagliato a pezzetti e cuocere per il tempo necessario a far cuocere, ma non stracuocere il baccalà. Il tempo dipende dalla grandezza e dallo spessore dei pezzi di baccalà quindi bisognerà regolarsi sul momento. Il sughetto a fine cottura non dovrà risultare denso, ma piuttosto lento e di colore rosato/aranciato.


Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e, dopo aver tolto i pezzi di baccalà dalla casseruola, mantecarla nel sugo.

Una ricetta tradizionale dal risultato assicurato.

La porzione minuscola che vedete nella foto dipende dal fatto che sono a dieta ferrea e già la mia nutrizionista non comprenderebbe perchè mangio pasta con il sugo di baccalà, figuriamoci poi se mi vedesse mangiare le quantità con cui sono solita ingozzarmi.


Un abbraccio e alla prossima!



12 commenti:

  1. la pasta Verrigni non ha bisogno di presentazioni, è squisita! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! Un abbraccio anche a te... buon week end!!

      Elimina
  2. Che bel piatto estivo e sano!!!un bacione

    RispondiElimina
  3. Dalle mie parti usiamo lo stocco al posto del baccalà. E' una ricetta fantastica. Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche dove vivo ora si usa molto lo stocco, ma io non riesco a mangiarlo. Pensa che a Natale mia suocera ha cucinato stocco per tutti e per solo per me il baccalà. Per sbaglio ho assaggiato un pezzo di stocco fritto, pensando fosse baccalà, e ho pensato: "ma non sa friggere un pezzo di baccalà?" e poi ho scoperto che era stocco. Insomma, proprio non mi piace! Mio marito per mangiarlo deve prenotarlo a sua madre, come anche le ventresche. Baci!

      Elimina
  4. Anche se sto aspettendo che si scaldi il latte per fare colazione, questi spaghetti mi hanno fatto venire l'acquolina in bocca!!! Provvederò a prepararli presto!!! Grazie della ricetta!

    RispondiElimina
  5. CIAO MARY meravigliosa collaborazione per un'ottimo piatto baci ISA

    RispondiElimina
  6. Ciao Maria Grazia, sono Serena (Sery88); immagino avrai notato anche tu l'eliminazione del mio blog, e che da un pò sono sparita dal mondo 'virtuale' della cucina. E' un periodo così per me... non solo legato agli impegni! Adesso sono passata per un saluto, e per vedere il tuo blog sempre più appetitoso.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena, mi rattrista molto sapere che stai attraversando un periodo difficile. Mi ero accorta dell'eliminazione del tuo blog, a dire il vero era stata Isabella a farmelo notare, ma speravo si trattasse di una cosa temporanea. Sai, con alcune dolcine conosciute su Dolcidee.it (Isabella, Belinda, Maria Grazia, Daniela), qualche volta ci sentiamo anche privatamente mediante posta elettronica. Quando ci siamo accorte della tua mancanza avremmo voluto contattarti, ma nessuna di noi sapeva come fare. Su dolcidee.it mi era bastato lanciare un S.O.S., ricordi? In quella circostanza sei stata contattata dalla redazione, ma in questo caso era un pò più difficile rintracciarti. Mi fa piacere che tu sia passata a trovarmi e, per avere tue notizie in futuro, ti invito a farlo ancora e magari più spesso. Se poi il tuo periodo no passa e ricrei un tuo spazio virtuale fammelo sapere, così saprò sempre dove trovarti, anche solo per un saluto. Se ti va di sentirmi anche in privato il mio indirizo di posta elettronica è: muffins7310@yahoo.it.
      Un abbraccio e... In bocca al lupo!

      Elimina

Se siete passati a trovarmi, per caso o perchè "dolci idee e non solo vi piace", mi fareste contenta lasciando un commento come traccia del vostro passaggio.