Vota "Dolci idee e non solo"

classifica

sabato 29 dicembre 2012

Ragù di cinghiale


Sapevate che il segreto per mangiare un ottimo piatto di ragù di cinghiale è "la marinatura?".
Mi sono molto documentata in merito, dopo che mi erano stati regalati da un cacciatore 2kg circa di carne di cinghiale.
Premetto che sono contrarissima alla caccia e non approvo il fatto che dei cinghiali vengano uccisi mentre circolano liberamente nel loro naturale habitat, ma una volta che l'animale viene cacciato, credo sarebbe un peccato capitale gettarne la carne, quindi, quando mi è stata regalata, benchè fossi con due cuori, ho ritenuto più opportuno trovare il modo di cucinarla e di rendere onore a quel povero cinghiale.
Più volte mi è capitato di mangiare in passato del cinghiale cucinato male e ciò mi aveva indotto a pensare che fosse proprio il cinghiale ad avere un cattivo sapore.
Mi sono dovuta ricredere quando sono stata invitata a cena, insieme a mio marito, a casa di amici il cui menù prevedeva cacciagione, dal cinghiale alle quaglie passando per la faraona e i tordi.
In quella circostanza ho mangiato un ragù di cinghiale favoloso, una faraona in salmì straordinaria e delle quaglie alla piastra buonissime. I tordi non ce l'ho fatta ad assaggiarli, ma tutto il resto era buonissimo e allora ho capito che la cacciagione, se cucinata da persone capaci, è davvero gustosa.
Tornando al mio cinghiale, come dicevo, mi sono molto documentata per cucinarlo e in tutte le ricette che ho trovato veniva consigliato di marinare la carne per 24 ore prima di cucinarla e ne è venuto fuori un piatto davvero fantastico che, se ne avete la possibilità, vi consiglio di provare.

Ingredienti:
carne di cinghiale q.b.
vino rosso robusto e di buona qualità q.b. (io ho usato un merlot)
aromi vari (pepe nero in grani o macinato, rosmarino, alloro, prezzemolo, peperoncino piccante, sedano, carota, cipolla, aglio) che è possibile trovare tutti insieme nel kit di aromi Emsa
olio evo Dante q.b.
sedano, cipolla, carota q.b.
rosmarino q.b.
sale q.b.
passata di pomodoro q.b.

Preparazione:
per la marinatura, la carne di cinghiale si può lasciare in pezzo unico o tagliarla a pezzi piccoli (cosa che io ho fatto) e metterla in una capiente bowl. Coprire i pezzi di carne di cinghiale a filo con un vino rosso robusto, di buona qualità e che abbia un buon sapore (perchè ve lo ritroverete nel piatto) e con gli aromi e lasciar marinare il tutto per 24 ore.
Passato questo tempo,  versare in una padella antiaderente 30/40g di olio evo Dante e fare un soffritto con cipolla, sedano e carota ridotti a dadini del peperoncino piccante (facoltativo), quindi, unire il cinghiale (dopo aver fatto scolare il vino in eccesso, aiutandosi magari facendolo riposare in un colino) e far rosolare da tutti i lati, assicurandosi di far evaporare tutto il vino in esso contenuto.
Unire la passata di pomodoro, un rametto di rosmarino (se piace) e salare. Coprire il sugo e lasciar cuocere da 2 a 3 ore a fuoco basso, aggiungendo dell'acqua se necessario.
Il risultato è questo:

BUONISSIMO!!!
In questa ricetta mi è tornato molto utile il kit di aromi della Emsa che contiene ben 8 dispensatori di aromi contententi:
- 2 contenitori di noce moscata;
- 1 contenitore di sale;
- 1 contenitore di pepe;
- 1 contenitore di maggiorana;
- 1 contenitore di insaporitori per carni;
- 1 contenitore di paprika;
- 1 contenitore di origano.

Questo kit fa parte dei prodotti che la Emsa mi ha gentilmente inviato e che di volta in volta vi mostrerò:
La Emsa è una società che opera nel settore degli accessori per la casa da oltre 60 anni ed ha come motto il realizzare prodotti belli che semplificano la vita.
Per dare un'occhiata al catalogo dei prodotti Emsa l'indirizzo è http://www.emsa.com/english/home/

6 commenti:

  1. Ricambio con piacere la tua visita, mmmmm questo piatto dev'essere gustosissimo....adoro questo tipo di pietanze!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nicoletta. Auguri di buon anno!

      Elimina
  2. Sai che non ho mai mangiato cinghiale difficile crederci essendo noi sardi consumatori certo non abituali pero',,, ma mi incuriosisce parecchio... terro' conto della tua ricetta.. grazie Giovanna buon 2013

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente provarla allora. Baci!!!

      Elimina
  3. Il cinghiale non l'ho mai provato, ma tantissimi complimenti perchè so che non è facile cucinarlo. Tantissimi auguri per un sereno anno nuovo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna. Auguri di buon anno anche a te!

      Elimina

Se siete passati a trovarmi, per caso o perchè "dolci idee e non solo vi piace", mi fareste contenta lasciando un commento come traccia del vostro passaggio.